News

> BASTARDI A CENA - Theatre Night Live@TEATRO METROPOLITAN (CT)

venerdì 16 novembre 2012 al Teatro Metropolitan di Catania
ore 23:00
per info e prenotazioni 3206623893 - 0957167975 - 0958738520

La Storia è maestra di vita, recita un vecchio adagio.
Anche quando è una storia di morte.
Perché insegna, o almeno dovrebbe farlo, che determinate strade non andrebbero più percorse e certe scelte non andrebbero più fatte. Ma lo Spettro è sempre dietro l’angolo, soprattutto dove non te lo aspetti: ecco perché la memoria è importante, ed ecco il motivo per cui la lezione della Storia va tenuta presente.
Nel nostro caso, cerchiamo di tenerla viva attraverso la rappresentazione, l’immagine reale e vivida di vicende che non restano, purtroppo, isolate in uno spazio e in un tempo limitati ma diventano metafora di una Ingiustizia Assoluta che si nasconde dietro molti percorsi umani.
 
Rappresentare l’Ingiustizia forse non permette di sconfiggerla ma sicuramente dà un contributo significativo in tal senso, non fosse altro che per la considerazione della conoscenza come consapevolezza: e nessuno può trovare una cura se prima non si conosce la malattia e, soprattutto, non si ammette di esserne affetti.
Non basta, allora, in tal senso, rappresentare una vicenda: occorre coinvolgere totalmente chi la osserva. E’ questa la sfida affrontata dal regista e dagli attori della compagnia del Teatro degli Specchi di Catania, complice uno spazio assolutamente peculiare che apre il fronte della scena a 360 gradi: l’area del dramma si dilata fino ad inghiottire gli spettatori, non necessariamente seduti e ordinati, abbattendo definitivamente la certezza della “quarta parete”.
E, con essa, forse, anche le certezze del pubblico inteso in senso tradizionale.
Quasi senza accorgersene, infatti, lo spettatore si troverà, senza riconoscerli, in mezzo ad attori che si sveleranno e non si sveleranno, fantasmi di un altro mondo che si manifesta sempre più inesorabile, e da essi verrà trasportato attraverso un percorso emotivo che diventa un vero e proprio viaggio nel tempo: partendo da un “non luogo” privo di coordinate spazio-temporali, dove verrà celebrato un rituale della memoria inizialmente arcano ma improvvisamente svelato, il pubblico porterà inconsapevolmente indietro le lancette del proprio orologio fino a dover non più “subire” ma “recitare” suo malgrado il ruolo di “pubblico”, stavolta in un altro luogo i cui precisi riferimenti di spazio e di tempo verranno progressivamente chiariti. In questa nuova dimensione, senza rendersene conto, lo spettatore cesserà di essere tale e comincerà a vivere dall’interno il dramma, diverrà parte integrante del suo svolgimento e ne percepirà, perciò, ancor più nitidamente le conseguenze emotive; si confonderà con gli attori che continueranno a mimetizzarsi e a palesarsi senza apparente criterio; assaggerà l’Ingiustizia avvertendone l’amaro e velenoso sapore, che gli svelerà il retrogusto metaforico di ciò a cui sta assistendo come paradigma di tutte le ingiustizie possibili; sarà complice del Buono o del Cattivo, secondo una scelta che non può prevedere ma dovrà operare sul campo; sarà divertito da un’atmosfera di festa che troverà inizialmente normale salvo rendersi ben presto conto di essere capitato all’interno di una vera e propria trappola; reagirà incuriosito o attonito, forse anche divertito dall’ignoto che sta affrontando, fino al momento fatale in cui quest’ignoto indosserà le vesti di una triste certezza.
E a quel punto la strada intrapresa diventerà senza ritorno.

Teatro degli Specchi

Via Antonello Da Messina, 11 | 95021 Aci Castello | Catania

Presso Teatro Grotta Smeralda

teatrodeglispecchi.it

320 662 3893 | teatrodeglispecchi@gmail.com

347 182 7334 | marcotringali@yahoo.it